APPARECCHIATURA LASER PER IL RINGIOVANIMENTO

Ringiovanimento della pelle laser

Il primo laser (LASER è un'abbreviazione dell'ingleseLight Amplificationby Stimulated Emissionof Radiation: amplificazione della luce utilizzando radiazioni indotte (stimolate))per scopi cosmetici (in rubino) è stato progettato e testato molto recentemente, solo 55 anni fa, nel 1960. Da allora, la cosmetologia laser è stata una delle aree più richieste nella medicina estetica.

I dispositivi laser sono utilizzati con grande successo per l'epilazione, il ringiovanimento, il lifting, la rimozione di vasi sanguigni, macchie senili, cicatrici, smagliature, post-acne, neoplasie, tatuaggi, per il trattamento di vitiligine, psoriasi, acne (acne), unghie incarnite.

La revisione odierna delle apparecchiature laser è altamente specializzata: faremo conoscere ai lettori in dettaglio i dispositivi per il ringiovanimento della pelle.

DISPOSITIVO LASER

Il laser è costituito da tre elementi principali:

  • fonte di energia (o meccanismo di "pompaggio");
  • corpo di lavoro (ambiente attivo);
  • sistema di specchi (risonatore ottico).

La fonte di energiapuò essere una scarica elettrica, una lampada flash, una lampada ad arco, un altro laser, una reazione chimica, ecc. , che attivano il mezzo di lavoro con la loro energia.

Il fluido di lavoroè il principale fattore determinante della lunghezza d'onda generata, così come altre proprietà del laser (monocromatico, coerenza, fuoco stretto). Esistono centinaia o addirittura migliaia di corpi di lavoro diversi sulla base dei quali è possibile costruire un laser. Tuttavia, i seguenti mezzi di lavoro sono più spesso utilizzati: liquido (costituito da un solvente organico, ad esempio metanolo, etanolo o glicole etilenico, in cui vengono disciolti coloranti chimici), gas (una miscela di gas, ad esempio: anidride carbonica, argon, kripton o miscele come eliolaser al neon; questi laser sono più spesso pompati da scariche elettriche), solidi (come cristalli e vetro; i materiali solidi sono solitamente attivati ​​dall'aggiunta di piccole quantità di ioni di cromo, neodimio, erbio o titanio); semiconduttori.

Quindi, in base al tipo di mezzo di lavoro (mezzo attivo), i laser sono suddivisi in:

  • gas;
  • liquido (su coloranti inorganici o organici);
  • laser a vapore metallico;
  • solido (cristalli, vetro);
  • semiconduttore (o diodo).

Risonatore ottico, la cui forma più semplice sono due specchi paralleli, si trova intorno al corpo di lavoro del laser. La radiazione forzata del mezzo di lavoro viene riflessa tra gli specchi e di nuovo nel mezzo di lavoro, accumulando energia. L'onda può essere riflessa molte volte prima che esca. Nei laser più complessi, vengono utilizzati quattro o più specchi, che formano anche un risonatore ottico, ma di un design più complesso.

La qualità di produzione e installazione di questi specchi è una delle condizioni più importanti per la qualità di un sistema laser.

Inoltre, nel sistema laser possono essere montati dispositivi aggiuntivi per ottenere vari effetti, come specchi rotanti, modulatori, filtri e assorbitori. Il loro utilizzo consente di modificare i parametri della radiazione laser, ad esempio lunghezza d'onda, durata dell'impulso, ecc.

PARAMETRI TECNICI DELL'APPARECCHIATURA LASER

Parametri dell'energia laser:

  1. Potenza, misurata in watt (W).
  2. Energia, misurata in joule (J).
  3. Densità di energia (J / cm2).
  4. Durata dell'impulso, misurata in milli-, nano-, picosecondi.
  5. Lunghezza d'onda, misurata in micrometri (μm) e nanometri (nm).

La radiazione laser, agendo su un organismo vivente, è soggetta ai fenomeni di riflessione, assorbimento, diffusione. Il grado di questi processi dipende dalle condizioni della pelle: umidità, pigmentazione, circolazione sanguigna, gonfiore della pelle e dei tessuti sottostanti.

Molti laser prendono di mira cromofori specifici, che sono strutture biologiche che hanno uno spettro di assorbimento ben definito. La capacità di un cromoforo di assorbire la luce di diverse lunghezze d'onda con diverse intensità è determinata dallo spettro di assorbimento. L'unità di misura della capacità di un cromoforo di assorbire la luce laser è il coefficiente di assorbimento.

Gli spettri di assorbimento di vari cromofori differiscono radicalmente. Pertanto, è importante che la lunghezza d'onda della radiazione laser coincida con la lunghezza d'onda al picco della capacità di assorbimento del cromoforo che si prevede venga esposto.

Pertanto, non esiste una lunghezza d'onda universale, ovvero un laser, per tutte le indicazioni (appuntamenti). Quindi, un laser per la depilazione non può ringiovanire la pelle e viceversa. Naturalmente, abbastanza spesso accade che nelle istruzioni del laser siano indicati diversi scopi, ma in realtà ci sarà solo un problema per risolvere efficacemente tali apparecchiature.

La profondità di penetrazione della radiazione laser è inversamente proporzionale al coefficiente di assorbimento e, di conseguenza, dipende dalla lunghezza d'onda. Per diversi cromofori della pelle (acqua, melanina, emoglobina, ossiemoglobina), anche la profondità di penetrazione è diversa. Ad esempio, nella regione del visibile (0, 38-0, 74 micron o 380-740 nm), la profondità di penetrazione sarà 3-7 mm, nella regione dell'infrarosso (0, 76-1, 5 micron) - da 0, 5 a 1, 5 mm, e nella regione ultravioletta (0, 3-0, 5 micron), la radiazione laser è fortemente assorbita dall'epidermide e quindi penetra nei tessuti a una profondità ridotta, da 0, 2 a 0, 4 mm.

METODO DI GENERAZIONE DELLA RADIAZIONE LASER

Ci sonolaser pulsati e cwche generano radiazioni. A seconda del metodo di pompaggio, è possibile ottenere la generazione continua e pulsata di radiazione laser. La luce pulsata viene generata come fasci di onde che vengono interrotti per un periodo di tempo specificato. Altri laser generano luce continua e un dispositivo speciale divide questa luce in brevi segmenti. Di norma, i laser di radiazione generata continua, oltre ai laser per fisioterapia, hanno la proprietà di rilasciare calore indesiderato nel sito di esposizione, che può portare a cambiamenti della cicatrice e danni ai tessuti circostanti il ​​sito di esposizione.

LIVELLO DI POTENZA LASER

La potenza di radiazione dei laser medicali (in particolare, cosmetici) varia entro ampi limiti, determinati dagli scopi della loro applicazione. Per i laser con pompaggio continuo, la potenza può variare da 0, 01 a 100 W. I laser pulsati sono caratterizzati dalla potenza e dalla durata dell'impulso. La potenza dei laser pulsati è di diversi ordini di grandezza superiore. Pertanto, un laser al neodimio genera un impulso con un'energia di E = 75 J, la cui durata è t = 3x10-12 s. Potenza impulsiva: P = E / t = 2, 5x1013 W (per confronto: la potenza della centrale idroelettrica è di circa 109 W).

Nella pratica cosmetologica, comprese le procedure di ringiovanimento della pelle, la radiazione laser viene utilizzata sia con un valore di bassa potenza (radiazione laser a bassa intensità, LILI) che ad alta (radiazione laser ad alta intensità, VILI).

RADIAZIONE LASER A BASSA INTENSITÀ (LLLT)

L'azione di LLLT è quella di attivare gli enzimi delle membrane cellulari e stabilizzare i lipidi. È noto che LLLT stimola la divisione e lo sviluppo cellulare. L'effetto si verifica a livello sottile, atomico-molecolare, dove l'energia viene assorbita sotto l'influenza della radiazione laser di una certa frequenza (solitamente negli intervalli del rosso e dell'infrarosso). Tale assorbimento di energia porta ad un forte aumento della concentrazione intracellulare di Ca2 +, cioè c'è un'attivazione dell'accumulo e del rilascio di ATP, il ripristino delle membrane cellulari, un aumento del metabolismo intracellulare e un aumento dei processi rigenerativi dovuti all'attivazione della proliferazione cellulare (divisione). Le vecchie cellule vengono sostituite intensamente con quelle nuove e il bioritmo di questo processo viene ripristinato. La terapia utilizza laser a bassa intensità (con un'intensità di 0, 1-10 W / cm2). La lunghezza d'onda massima per i laser terapeutici è 1300 nm. In particolare, i laser a diodi vengono utilizzati per le procedure di ringiovanimento della pelle:

  • emettitori con lunghezze d'onda di 890 nm e 915 nm (ringiovanimento laser);
  • laser a bassa intensità con una lunghezza d'onda da 785 a 890 nm (biorivitalizzazione laser e mesoterapia laser - consegna di principi attivi alla pelle tramite LLLT).

I trattamenti con laser terapeutici sono indolori e confortevoli per il paziente a causa della loro bassa intensità. In alcuni casi, potresti sentire un leggero calore. Non è previsto un periodo di riabilitazione, tuttavia, per ottenere un effetto pronunciato (miglioramento dell'elasticità e della compattezza della pelle, microrilievo, idratazione e sollevamento della pelle), è necessario un corso di procedure e procedure di supporto.

Il set base di laser terapeutici comprende un apparecchio combinato con un pannello di controllo (a volte sotto forma di un display touchscreen) e un manipolo-emettitore. Il kit può includere diversi emettitori (ad esempio, con un'ampia superficie di lavoro per lavorare sul corpo e con una piccola area per lavorare sul viso), nonché attacchi per varie procedure. I laser terapeutici hanno dimensioni ridotte, basso consumo energetico e la possibilità di installare il mezzo di lavoro direttamente nel manipolo, senza utilizzare uno strumento di guida della luce per l'erogazione della radiazione.

RADIAZIONE LASER AD ALTA INTENSITÀ (RUOTA)

La radiazione laser ad alta intensità (2500 J / cm2) consente di concentrare un'energia significativa in un piccolo volume, che provoca riscaldamento termico locale, rapida evaporazione ed esplosione idrodinamica in un ambiente biologico. In cosmetologia, VILI è ampiamente utilizzato, uno dei quali è il ringiovanimento della pelle.

Il ringiovanimento della pelle mediante radiazioni laser ad alta intensità è un metodo moderno per sollevare, rimuovere e / o ridurre la profondità delle rughe e migliorare la qualità della pelle. Per il ringiovanimento laser ad alta intensità, vengono utilizzati quei dispositivi, la cui radiazione è ben assorbita dall'acqua (poiché la pelle è composta per il 77% da acqua). Lo scopo dell'utilizzo di tali laser è un rapido aumento della temperatura nella regione di assorbimento di un impulso laser con evaporazione istantanea del tessuto.

Tra la varietà di apparecchiature laser ad alta intensità per il ringiovanimento della pelle, gli specialisti di solito distinguono due tipi principali di dispositivi: pernon ablativoemetodo ablativo.

Ablazione - evaporazione dei tessuti superficiali mediante esposizione laser.

Dispositivi per ablazione lasersono estremamente efficaci nella lotta contro i cambiamenti della pelle legati all'età: la degradazione del collagene e dell'elastina, le proteine ​​strutturali della pelle che le conferiscono compattezza ed elasticità. I trattamenti laser traumatici vengono utilizzati per innescare i processi di rinnovamento. Inoltre, va notato che più forte è la lesione, più potente è l'effetto ringiovanente, ma allo stesso tempo, ovviamente, più lungo è il periodo di riabilitazione e maggiore è il rischio di effetti collaterali.

Ecco perché le principali tendenze nello sviluppo dei moderni laser per il ringiovanimento della pelle sono la ricerca di un compromesso, il tentativo di trovare un modo per ridurre al minimo i traumi alla pelle, ma allo stesso tempo ottenere una potente risposta a una risposta rigenerativa.

I moderni dispositivi ablativi includono:

  • laser frazionari a CO2 (laser ad anidride carbonica);
  • laser frazionari YAG all'erbio (laser a cristalli di ittrio-alluminio-granato allo stato solido con ioni di erbio).

È necessario chiarire subito il termine "fazione".

Un laser frazionario differisce da un laser convenzionale in quanto il raggio laser è diviso forzatamente in un insieme di microfasci ("frazioni"). Questo può essere implementato nell'hardware in diversi modi:

  1. con l'aiuto di microlenti installate nel manipolo (un gran numero di raggi cadono contemporaneamente sulla pelle);
  2. in modalità scanner, quando un raggio laser perfora in sequenza la pelle;
  3. con attacco a rullo, che è controllato da impulsi laser e consente di eseguire la procedura in movimento.

Questo porta al fatto che l'effetto del laser su una particolare area della pelle non diventa totale, ma zonale: non l'intera superficie della pelle è esposta, ma migliaia delle sue micro-aree, tra le quali rimane il tessuto non interessato. I laser frazionari sono meno traumatici: al momento della lavorazione dei tessuti, non coprono l'intera superficie della pelle, ma dal 3 al 70 percento, a seconda delle impostazioni del laser, attivando il meccanismo di recupero in tutta l'area.

Infatti, grazie all'avvento dei laser frazionati, è iniziata una nuova era della cosmetologia laser: le procedure laser sono diventate meno dolorose, più sicure ("delicate"), il periodo di riabilitazione dopo le procedure è stato notevolmente ridotto (da due giorni a una settimana). Allo stesso tempo, l'efficacia clinica non è diminuita, ma, al contrario, è aumentata.

I moderni laser ad anidride carbonicafunzionano secondo il principio dellafototermolisi frazionaria, che consiste nella formazione di microzone di coagulazione sotto forma di colonne perpendicolari alla superficie della pelle. Il termine "fototermolisi" qui significa la distruzione del tessuto sotto l'influenza della temperatura, che si è verificata nel processo di trasferimento dell'energia laser al tessuto (foto - luce, calore - riscaldamento, lisi - distruzione). Il laser ad anidride carbonica ha una lunghezza d'onda della radiazione di 10, 6 micron. Quando si esegue la procedura di ringiovanimento frazionato, questo laser rimuove le microzone della pelle praticamente a tutta la profondità dell'epidermide (fino a 20 micron), mentre la zona di danno termico si estende nel derma di 150 micron o più, provocando la coagulazione del collagene. Questo porta all'effetto desiderato (riduzione delle fibre di collagene denaturate, levigatura della pelle).

Oggi sul mercato sono disponibili numerosi dispositivi frazionari di anidride carbonica con densità di flusso e durata dell'impulso regolabili. Ciò consente di selezionare la temperatura e la profondità di riscaldamento del derma. Grazie alle nuove tecnologie, il tempo per un completo recupero post-procedurale è stato ridotto a una settimana. Aziende - distributori di moderni laser ad anidride carbonica hanno iniziato a pubblicizzare le procedure svolte con il loro aiuto come procedure di ringiovanimento "weekend", poiché durante la fototermolisi laser frazionata, il periodo di riabilitazione "acuto" (edema intenso ed eritema) si svolge in due giorni di riposo e il lunedì il pazientepuò andare a lavorare.

Il laser all'erbio ha una lunghezza d'onda di 2, 94 micron e un coefficiente di assorbimento molto più alto di un laser ad anidride carbonica. La radiazione laser all'erbio penetra fino a una profondità di circa 1 micron, provocando una rapida vaporizzazione di un sottile strato dell'epidermide praticamente senza danni ai tessuti circostanti.

“Il laser all'erbio (Er: YAG) è un tipico laser ablativo. L'effetto di ablazione è così pronunciato che lo strato superiore dell'epidermide evapora istantaneamente senza lasciare tracce. Questo laser è adatto per resurfacing, levigare cicatrici, rimuovere la pigmentazione.

Oggi, i laser ad erbio vengono utilizzati attivamente quando si lavora con le aree più sensibili: collo e décolleté, aree paraorbitali e periorbitali. Con questo laser ogni punto può essere processato più volte, mentre il medico ha la possibilità di controllare l'intero processo di "molatura". Sono i laser all'erbio che vengono utilizzati attivamente durante l'intervento dai chirurghi plastici. Inoltre, i laser all'erbio sono preferiti quando il paziente non è pronto per la riabilitazione a lungo termine.

I laser non ablativi ad alta intensitànon funzionano sul principio dell'evaporazione, ma sul principio del riscaldamento dell'acqua e della coagulazione con formazione di nuovo collagene nelle zone colpite.

Per implementare il metodo non ablativo, di regola, viene scelto un laser con una grande profondità di penetrazione nel tessuto. In questa categoria, per il ringiovanimento, viene utilizzato principalmente illaser al neodimio (Nd: YAG)(cristallo di ittrio-alluminio-granato drogato con neodimio), che ha una lunghezza d'onda di 1064 nm, che corrisponde allo spettro del vicino infrarosso.

La radiazione di un tale laser può penetrare nel derma fino a una profondità di 5 mm. Ai fini del ringiovanimento cutaneo, questo laser viene solitamente utilizzato nella gamma di impulsi millisecondi e nanosecondi, il che consente di stimolare la sintesi del collagene (nella quasi totalità dei casi) senza danneggiare i tessuti circostanti, cioè in modalità non ablativa. Ma quando ci si concentra in un punto piccolo, può essere utilizzato anche per l'ablazione.

Nella cosmetologia moderna, il laser al neodimio viene utilizzato principalmente per rimuovere vasi indesiderati, come le vene dei ragni, ma anche per il fotoringiovanimento. La tecnica ha anche un nome separato: rimodellamento dermico non ablativo. In questo caso, l'oggetto dell'influenza è l'emoglobina. Lo scopo dell'azione è stimolare la crescita del collagene. Il calore viene generato dove la radiazione laser è maggiormente assorbita, come lo strato papillare superiore, e si diffonde ai tessuti vicini. La conseguenza è una risposta infiammatoria prevedibile che causa cambiamenti nella sintesi del collagene dermico con un effetto concomitante di rinnovamento cutaneo. Pertanto, a causa della parziale coagulazione del letto microvascolare e della parziale denaturazione della struttura del collagene, il laser innesca la formazione di giovani fibroblasti.

Vorrei in particolare sottolineare gli ultimi sviluppi nel campo delle tecnologie laser per il ringiovanimento della pelle: l'emergere dei laser a picosecondi.

“Nel 2015, il tema centrale di tutte le principali conferenze internazionali sulla medicina laser è stato l'uso di laser a picosecondi per il ringiovanimento. Questa è una tecnologia completamente nuova e promettente che è apparsa solo nel 2014 e ha ricevuto l'approvazione della FDA. Il principio di funzionamento dei laser a picosecondi va oltre la teoria della fototermolisi selettiva, poiché agiscono sul tessuto non attraverso il riscaldamento (termolisi), ma attraverso la sovrasaturazione istantanea del bersaglio con energia ”.

Il laser a picosecondi genera impulsi, la cui durata è misurata in trilionesimi di secondo. Impulsi così brevi non hanno il tempo di infliggere danni termici ai tessuti, ma in essi si concentra così tanta energia che il loro bersaglio si disintegra istantaneamente in microparticelle, formando vacuoli. Questo principio di esposizione è chiamato esposizione fotomeccanica. In risposta alla formazione di vacuoli nello strato dermico, inizia una reazione che innesca la sintesi di nuovo collagene.

I principali esperti mondiali di medicina laser, che forniscono rapporti indipendenti sulle tecnologie a picosecondi frazionari, sostengono che questi laser forniscono un effetto paragonabile ai tradizionali laser frazionati ablativi, assolutamente indolore per il paziente. Ma l'argomento più importante a favore di questa tecnologia per un moderno residente metropolitano è la riabilitazione brevissima, che richiede dalle tre alle ventiquattro ore. Va anche notato che non è necessario dedicare tempo all'anestesia prima della procedura e il processo stesso, a causa dell'elevatissima frequenza di ripetizione del polso, non richiede più di trenta minuti ".

I laser per il ringiovanimento della pelle possono essere suddivisi in laser profilati e sistemi laser multifunzionali complessi ("combina").Ogni tipo di attrezzatura ha i suoi pro e contro, fan e avversari. Molti cosmetologi vedono più vantaggi nel cosiddetto raccoglitore laser.

“La piattaforma modulare consente di espandere gradualmente le capacità dell'estetista acquistando altri allegati. Ogni ugello ha il proprio tipo di emettitore e l'acquisto di un ugello è sempre più economico rispetto all'acquisto di un dispositivo separato. Va ricordato che tali sistemi modulari consentono al medico di avere tutti i tipi di laser per risolvere problemi specifici e non utilizzare un laser sia per la depilazione che per il ringiovanimento, perché il principio selettivo implica che ogni lunghezza d'onda farà una cosabuono, e tutte le altre indicazioni sono secondarie. Pertanto, i dispositivi modulari con allegati sono stati realizzati in modo che la clinica non acquistasse 5-6 dispositivi separati, ma avesse una piattaforma modulare con diversi attacchi laser, e questo è sempre più economico in termini di denaro e più razionale in termini di carico del paziente rispetto a sei laser separati, ciascuno dei qualioccupa spazio ed è caricato con pazienti al massimo due o tre giorni alla settimana ".

Alcune persone pensano che il dispositivo multifunzionale non sia adatto per le grandi cliniche dove i medici lavorano "al volo".

"Le macchine multifunzionali presentano un importante svantaggio: un guasto di una simile mietitrebbia comporterà il guasto di tutte le funzioni contemporaneamente, e una mietitrebbia non è sempre una buona scelta per una situazione in cui ci sono diversi specialisti in cabina" in funzione "in diversi uffici. "

In ogni caso la scelta spetta all'acquirente e dipende da molti fattori: la dimensione dell'azienda, il profilo, il numero e la specializzazione dei medici, il finanziamento, alla fine.

“Il dibattito sui vantaggi e gli svantaggi di entrambe le versioni è come discutere sui vantaggi di uno smartphone con una fotocamera rispetto a una DSLR. Se vuoi scattare foto, chiamare e navigare in Internet allo stesso tempo, la scelta è ovvia. Ma se sei un fotografo professionista, le capacità della fotocamera del telefono difficilmente ti saranno sufficienti. "

Per fare la scelta giusta della macchina per il ringiovanimento laser, gli esperti raccomandano di concentrarsi sui seguenti aspetti molto importanti:

  1. È necessario richiedere i risultati delle sperimentazioni cliniche di questo modello ai distributori.
  2. Dovresti parlare con specialisti di diversi saloni e cliniche che lavorano sulle attrezzature di interesse, scoprire il loro feedback.
  3. Di norma, le aziende serie offrono ai clienti l'opportunità di testare il dispositivo da specialisti del salone, in modo che i dipendenti e l'amministrazione possano valutare l'efficacia ei vantaggi delle attrezzature offerte.
  4. Tutti i dispositivi laser devono avere un certificato di registrazione del Ministero della Salute e una dichiarazione di conformità dello standard statale.
  5. Si prega di notare che il termine di utilizzo dei manipoli in alcuni modelli è limitato, questo implica costi aggiuntivi. Pertanto, è necessario chiedere al fornitore di fornire un documento che confermi il numero di impulsi garantito e non lasciarsi guidare dalle parole del responsabile che vende il dispositivo.
  6. Assicurati di verificare con il distributore quali materiali di consumo ha il dispositivo (oltre ai manipoli), quanto spesso dovranno essere acquistati, quanto costano e se sono sempre disponibili.
  7. Scopri come avverrà la manutenzione post-garanzia del dispositivo, in quali condizioni e in quale arco di tempo.
  8. Scopri chi e come devono lavorare gli specialisti della formazione su questo dispositivo, quanti specialisti possono essere formati al momento dell'acquisto, a quali condizioni, se la formazione verrà ripetuta, se il personale degli specialisti nel tuo salone cambia e in quali condizioni.

In conclusione, ti ricordiamo che l'uso di tecniche laser per il ringiovanimento richiede che i saloni di bellezza e le cliniche abbiano una licenza medica e specialisti che hanno il diritto di fornire servizi utilizzando apparecchiature di questa classe - medici che hanno seguito una formazione speciale nell'ambito del "Programma standard di formazione professionale aggiuntiva per medicimedicina laser ".

07.12.2020